Percepisci la realtà? - The School Of Tansition

Vai ai contenuti

Menu principale:

ARTICOLI

Come Percepisci la realtà?


Secondo il Devastavismo®, non è la realtà che crea la percezione di essa, ma è la percezione che crea la realtà stessa!

In altre parole, non esiste una realtà precostituita, ma, a seconda di come noi dirigiamo la nostra percezione, così si crea automaticamente la realtà circostante.
Da ciò si evince che, in qualche modo, la nostra percezione della realtà è stata pilotata, ed a tuttora viene occultamente e costantemente manipolata attraverso i media e la disinformazione, al fine di farci percepire ciò che non esiste come esistente e da lì ricreare, nostro malgrado, tutto il brutto che c'è in giro oggi.

È un  pò come il serpente che si morde la coda: tu percepisci la realtà in un certo modo ed essa si crea a seconda delle tue aspettative. Poiché ne sei totalmente inconsapevole, ecco che pensi che la realtà che si manifesta ai tuoi occhi corrisponde proprio alla maniera in cui la percepisci e, dunque, deve essere senz'altro così, senza possibilità alcuna di poterla mutare.

Beh, questa sensazione d'impossibilità è proprio ciò che si vuole creare attorno alla mente umana, sai?
Certo, proprio come una nuvoletta di fantozziana memoria, ma invisibile allo stesso Fantozzi, in modo che, una volta creata la realtà di terza dimensione (3D), poi non possa mutarla a causa della credenza che "tanto nulla si può fare in merito".

Vedi come funziona il meccanismo?


Ti faccio credere che una cosa sia così, tu ci credi ed inconsapevolemente crei quella realtà.
Poi ti faccio credere che non è possibile mutarla, perchè essa si è "manifestata da sola" ed "è così che il mondo va".
Se poi cerchi di ragionarci su e di essere un pò più creativo, adottando un modo di pensare del tutto indipendente rispetto alla massa, apriti cielo!
La pecora che si smarrisce!
Caspita, questa pecora/uomo non bela più, ma ragiona!


"Svegliati" ti dicono, "smetti di sognare, stai con i piedi per terra!".
Ecco, appunto, i piedi per terra!
"Sii realista! Stai nella realtà, non stare con la testa tra le nuvole!".
Appunto, ma di quale realtà qui si parla?
Quella vera o quella creata?


Non c’è una realtà vera!
Sono tutte create, nel bene o nel male!

L’unica realtà vera è come un foglio bianco
su cui ci puoi scrivere tutto ciò che vuoi!


Questo, sì, che è libero arbitrio!

L’unico possibile!

Pensaci!

Pensaci!!


Tu, invece, che fai?
Sei convinto che, di fatto, non è possibile mutare questa realtà e, dunque,
come ti rapporti ad essa?

LA SUBISCI!!!

La subisci e non sai neanche di stare subendo qualcosa!
Non è così?
Pensi che tutto scorra liscio: <<Certo>>, pensi, <<qualche contrattempo qua e là,
ma, in fondo, è così che va la vita, no?>>.
NOOOOO!!!


È così che ti hanno abituato a credere cha vada!

La vita, in realtà, è molto più di questo!
È molto più di una pizza il sabato sera,
della discoteca, dell'andare al cinema o poltrire ore ed ore
davanti un insulso programma alla TV!

La vita va ben oltre la vacanza tanto attesa,
le donne, il bere, il gioco d'azzardo e
l'accumulare ricchezze.

È molto più di un iPad, un iPod, un iPhone o un iMac!

La vita è molto più del parlar male di tutto e di tutti
pensando che <<tanto, non m'accade nulla!>>.

La vita è molto di più di tutti gli amici che tu possa avere, della promozione,
dei titoli, di tutte le vacanze che tu possa fare o di tutta la salute di cui possa godere.

La vita è ben al di là di tutto ciò di cui andare fieri: i figli, gli amici, gli amanti.

Ciò che la vita è, tu non l'hai ancora sperimentato.

Te ne rendi conto?

NON L'HAI ANCORA SPERIMENTATO!

Apri gli occhi!

Svegliati!

SVEGLIATI!!!

La vita, quella di tutti i giorni, che tu ritieni essere la norma,
di fatto, la subisci ed, al tempo stesso, aspetti e speri che le cose cambino.

"Aspetta e spera che già l’ora s’avvicina"...


Aspetti che i fratelli delle stelle scendano in massa per aiutarti a cambiare ciò che sembra immutabile.

Aspetti la seconda venuta di Cristo, di Prema Sai o di qualunque altro personaggio che t'aiuti nell'intento di rimettere tutte le cose a posto.

Ti abbandoni alla preghiera, sperando e confidando che qualcuno, dalle sfere celesti, possa averti ascoltato e, di conseguenza,  entrare in azione.

Pensi che, non potendo farci niente in proposito, sia meglio dedicarti ad una disciplina spirituale per poterti almeno liberare individualmente ed andartene via da qui, da questa "valle di lacrime", proprio come fece Buddha, per intenderci.

O, più semplicemente, te ne strafreghi di come va il mondo e continui a fare quello che hai sempre fatto: mangi i tuoi fratelli minori, gli animali, per intenderci.
Parli e sparli di tutto e di tutti.
Ti lamenti ogni tre per due.
Tratti a "pesci in faccia" tua moglie e/o tuo marito...

e della Terra?

Che ne è della Madre Terra?


<<Boh?! Tanto, qualcuno ci penserà e poi, quando le Sue risorse saranno terminate, io comunque non ci sarò più!>>.

Eh già, si fa presto a ragionare in questo modo!
Meno male che c’è una cosa chiamata reincarnazione, per chi ci crede, ovviamente, e, dunque, a tempo debito, ci sarai, stai pur certo che ci sarai!

C’è un detto nel Devastavismo® che fa’ così:


"Chi di cacca ferisce,
di cacca perisce!".



E buona giornata anche a te!

a t m a j a y


Torna ai contenuti | Torna al menu